Spedizione gratuita sopra i 100 €

Top Menu

Marion Crampe

Marion Crampe e l’arte del workshop

By Morgana

Posted in , , | Tags : , ,

Per lei il workshop non è semplice insegnamento, ma un reciproco scambio di energie: è crescita, condivisione e passione. È un momento nel quale mette tutta se stessa, sia come professionista che come donna… e chi le sta di fronte lo percepisce, eccome! Alla base, un amore incondizionato per il proprio lavoro e la convinzione che con impegno e sacrificio tutti ce la possano fare…

Italia, Francia, Germania, Dubai, Canarie, Grecia, Croazia… si muove rapida in lungo e in largo per il mondo, portando con sé la sua passione, la sua professionalità, la sua eleganza, il suo sorriso, la sua genuinità… La puoi trovare ovunque, o quasi, anche se è veramente difficile partecipare ad uno dei suoi workshop. Perché Marion è senza dubbio la poledancer più apprezzata, amata e conosciuta… e non solo del pianeta, ma dell’intero universo pole ;-)! Performer – atleta – insegnante – modella, Marion Crampe, francese di nascita, cittadina del mondo per indole, è stata a Padova a metà gennaio: ciò che ci ha, ancora una volta, colpito è stata la sua passione per l’insegnamento… ed il trasporto quasi mistico delle partecipanti… Corre, Marion, e noi dietro ad inseguirla…

Marion, dopo Dubai e Canarie, dove sarai, tra marzo e aprile 2018, con i tuoi workshop?

Il 3 e 4 marzo sarò alla Pole Dance Vértice di Tenerife, il 10 ed 11 alla Pole Academy di Tournon, Francia, e dal 15 al 30 marzo alla Pole Dance Reunion de La Reunion. Poi il 7 ed 8 aprile lavorerò alla Pole Art France di Bordeaux ed il 14 e15 aprile alla Pole Dance Nancy, sempre in Francia.

Marion CrampeQuanto è importante per una poledancer partecipare a workshop e perché?

Non direi che sia propriamente “importante”, ma è sicuramente bello ed arricchente. Oggi c’è la possibilità di partecipare a numerosi workshop e questa è senza dubbio un’ottima opportunità di imparare sempre di più, di migliorare la propria tecnica, di incontrare altre poledancer e, soprattutto, di condividere momenti pieni di… passione! Sono molto onorata di poter tenere dei workshop perché questo mi dà la possibilità di lavorare e conoscere persone da tutto il mondo.

Cosa ti dà, fare un workshop?

ADORO il mio lavoro ed ADORO insegnare. Insegnare mi rende felice, più viva… e più umana. Quando insegni, crei un rapporto con le persone in grado di generare un interscambio di energie: do, ed al contempo ricevo, sia dal punto di vista della Pole dance, che umano. Ogni persona arriva con la propria vita, i propri sogni, il proprio modo d’essere e per me è sempre una sfida avvincente, quella di provare a far arrivare a tutti i miei “messaggi”.

Facciamo un passo indietro, ovvero a quello che dai, durante i tuoi workshop… Mai visto le ragazze piangere dopo una lezione, ma con te succede! Racconta…

Ahahahaha, è vero, succede… forse è perché faccio soffrire più di altre insegnanti 😀 !!! Quando insegno porto con me tutte le mie esperienze personali, ma anche tutto il mio bagaglio sia umano che spirituale. Cerco di aiutare chi è ormai pronto ad “andare oltre”, ma anche quelli che ancòra non lo sono, perché, alla fine, siamo tutti diversi, ma i bisogni sono gli stessi: per far questo, spesso basta solo ascoltare. È importante capire che ognuno ha il diritto ed il dovere, nel rispetto degli altri, di essere se stesso.

Chi può partecipare ai tuoi workshop? Sono solo per atleti esperti, o tutti possono partecipare?

Tutti sono i benvenuti: propongo classi per tutti i livelli e do sempre più opzioni. Ho insegnato sempre dalla Pole base fino al livello avanzato. Tante persone mi dicono che vorrebbero partecipare, ma hanno paura di quello che vedono sul mio profilo Instagram, ma quello che condivido afferisce alla mia sfera lavorativa come artista, atleta e persona, non vuol dire che sappia fare solo quello e che non dedichi tempo alle basi… anzi, adoro insegnare al livello Principiante! Per partecipare ad un mio workshop non c’è bisogno di essere bendy o ballerine: io stessa ho impiegato un sacco di tempo per fare una V o uno Shoulder mount… ed il Bird of Paradise non mi viene ancora. E non sono nemmeno nata flessibile, ma ci sono arrivata con il lavoro, quindi credo che chiunque, con l’impegno, possa ottenere buoni risultati.

Love

Marion

Il prossimo appuntamento con Marion sarà tra 15 giorni, sempre qui sul Pole Journal di Verticallove: parleremo di allenamenti, meditazione, polewear and more…

Share this story

No comments yet.

Lascia un commento

Comment


Per favore, risolvi *

btt

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Promozioni esclusive riservate agli iscritti
Iscrivimi!
No grazie!